DOTT.FABRIZIO BIANCHINI

DOTT. FABRIZIO BIANCHINI
Psicologo e Psicoterapeuta a Ferrara

2010

Il coraggio di non essere
GENITORI perfetti
Alcune occasioni di riflessione e confronto

Scuola Elementare di Francolino
via Calzolai, 326
Ferrara

“Confrontarsi. Parlarsi. Avviare un dialogo sui temi della genitorialità, degli armonici o disarmonici rapporti in famiglia, del reciproco apprendimento, delle risorse per prevenire il disagio. Per capire meglio i propri ruoli, per agire con la necessaria consapevolezza, per condividere e intendersi sui comportamenti, sugli atteggiamenti, sui perché, sul come.

Esperti di psicologia dell’Età evolutiva e in dinamiche dei rapporti genitori-figli e famiglie insieme nelle rispettive specificità ma impegnati a sintonizzare i rispettivi interventi per ridurre scarti e contraddizioni
lungo il difficile percorso di cura e crescita dei bambini”

 

DI COSA SI TRATTA

Questo percorso di formazione per genitori, patrocinato dal Comune di Ferrara, rientra tra i Progetti che Unisono Psicologia promuove in favore della salute e del benessere psicologico di tutte le persone e della comunità:
4 appuntamenti che l’Associazione ha sviluppato per rispondere ad una specifica esigenza del comitato genitori doposcuola della Elementare di Francolino; quella di riflettere insieme sull'importanza della famiglia e sul suo così rilevante e delicato ruolo nella crescita dei figli.
Inizialmente studiato per chi ha figli di età compresa tra i 6 e gli 11 anni è stato, data la natura degli argomenti trattati,  in seguito esteso anche ai genitori di bambini di età inferire ai 6 anni.

 

DETTAGLI DELL’EVENTO

L’iniziativa nasce dalla consapevolezza di come, nel rapporto tra genitori e figli e in relazione alle diverse tematiche educative, siano importanti non solo i contenuti da trasmettere, ma anche e soprattutto le modalità attraverso cui tali contenuti vengono passati e la capacità di «conoscere», e prima ancora «riconoscere», quel particolare figlio che si vuole educare. In questo quadro, un elemento chiave è l’ascolto e proprio per lo sviluppo di tale complessa competenza viene presentato un percorso che, nelle diverse tappe che lo costituiscono, si pone l’obiettivo di far apprendere cosa significa ascoltare e perché è importante, di far assumere i relativi atteggiamenti e comportamenti e di far acquisire le modalità per valutare il proprio modo di ascoltare.
Il corso intende affinare le potenzialità delle nuove generazioni ed è quindi rivolto a tutti quei genitori che vogliono svolgere al meglio il proprio difficile compito educativo.
L’obiettivo è quello di sensibilizzare e formare i genitori coinvolti nei percorsi di cura e crescita dei propri bambini, in modo da evitare che i problemi che si possono incontrare «strada facendo» vengano sottovalutati e sfocino in veri e propri disturbi, mettendoli in grado di sentirsi capaci di garantire migliori condizioni di vita ai loro figli.

Nelle 4 serate di cui è costituito il percorso, particolare attenzione verrà rivolta al rafforzamento delle competenze del genitore idonee a favorire nei figli un primo sviluppo delle competenze per la vita, il senso di auto-efficacia e l’autostima. Si cercherà di comprendere il perché di determinati comportamenti e di analizzare come le reazioni di un genitore possa influire sulla crescita emotiva del figlio, offrendo pratici e semplici suggerimenti per diventare genitori «sufficientemente buoni».
I dialoghi sullo stile educativo proprio e dell’altro genitore, sulla comunicazione in famiglia e il dialogo quotidiano con i figli e le tecniche pratiche, saranno integrati dal supporto di letture scelte, mezzi audiovisivi, momenti di condivisione, d’introspezione, facilitati dalla guida di esperti della psiche.
Su queste esperienze sarà possibile, di volte in volta, discutere insieme ed attivare un confronto collettivo, nonché sperimentare, attraverso apposite esercitazioni, la possibilità di essere non solo attori ma anche autori del processo psicodinamico in fieri e quindi di crescere come genitori imparando a esprimere di più le proprie risorse e capacità educative.


PROGRAMMAZIONE E CONTENUTO DEGLI INCONTRI


05 Marzo 2010 dalle 20.30 - 23.30
La Comunicazione di coppia

L’incontro non fornisce consigli, non vuole insegnare a fare, non offre ricette risolutive, bensì invita il genitore ad ascoltare meglio, ad andare oltre il proprio sguardo, oltre il proprio sentire, oltre il proprio pensare, per incontrare il mondo dell’altro. Senza pregiudizi.
L’empatia è uno dei concetti guida che verranno sviluppati. Un concetto inteso come capacità di identificarsi con un’altra persona e condividere con lei delle emozioni.
Ascoltare il punto di vista dell’altro, capire le sue ragioni, sentire che emozioni hanno suscitato il suo comportamento senza precipitarsi in conclusioni affrettate e giudizi approssimativi, fa sentire vicini nelle relazioni e aiuta a superare i conflitti. Se l’empatia manca, la relazione diventa troppo giudicante o vuota. Così il clima famigliare rischia di raffreddarsi e le persone si allontanano.
 

19 Marzo 2010 dalle 20.30 - 23.30
Ruolo dei genitori nella comunicazione con i bambini

Si prosegue un cammino che va contemporaneamente in più direzioni: facile è dire che esiste più di un linguaggio, un po' meno verificarlo qui e adesso. Non parliamo poi di vedere se c'è una qualche relazione col vivere quotidiano, nostro e altrui.
Ad esempio, ci è mai passato per la testa che come esistono lingue con strutture sintattiche e grammaticali diverse dalla nostra - come l'inglese o il tedesco - anche il linguaggio di chi ci è accanto può essere strutturato diversamente dal nostro, e costruire diversamente da noi i suoi significati? Vengono allora proposti alcuni punti di partenza per la ricerca di una personale pratica di “sintonizzazione” che metta ognuno in condizione di pensare l'Altro come Sé.
L’incontro fornisce alcune indicazioni per affrontare questo importante e difficile compito al meglio, imparando a viverlo con più serenità.
 

09 Aprile 2010 dalle 20.30 - 23.30
Studio teorico-pratico delle dinamiche comunicative a partire da una serie di simulazioni su situazioni vissute o immaginate come problematiche

E' necessario, quando ci si confronta su questi (e altri) problemi, non perdere di vista la propria relazione con l'immediato esterno, con la nostra sfera affettiva più prossima: ma è molto difficile parlarne utilizzando il discorso diretto. In molti casi non esiste un termine che renda l'idea complessiva di una relazione, di un concetto, di un sentimento, o di una sensazione: è comunque un ostacolo che si può aggirare tramite alcuni giochi di gruppo, avendo inoltre modo di non doversi trovare nel comprensibile imbarazzo dato dall'esporsi su cose così delicate e personali.
 

23 Aprile 2010 dalle 20.30 - 23.30
L'attenzione ai bisogni psicologici dei figli

Si approfondisce lo studio fatto durante l'incontro precedente.
Affinché i figli si sviluppino adeguatamente è necessario sfatare il mito (e l’alibi) che basti passare con loro un tempo anche breve ma qualitativamente migliore, poiché non può esservi vera qualità senza una quantità significativa di interazioni…
 

DESTINATARI
 
Genitori di bambini di età compresa tra 0 e gli 11 anni (vi è la possibilità di partecipare sia singolarmente che in coppia).

 
CONDUTTORI
 
FABRIZIO BIANCHINI Psicologo Psicoterapeuta libero professionista, Presidente dell’Associazione Unisono Psicologia, esperto in dinamiche dei rapporti interpersonali; impegnato da diversi anni in attività di promozione del benessere per bambini ed adolescenti ed in percorsi di formazione per gli adulti di riferimento: insegnanti, genitori ed educatori.


MARICA MALAGUTTI Psicologa Psicoterapeuta libero professionista, vice presidente dell’Associazione Unisono Psicologia, formata in Psicodramma analitico ha maturato varie esperienze nell'ambito della psicologia dell'età evolutiva. Tiene corsi di formazione e seminari divulgativi sulla prevenzione in diversi ambiti, tra cui quello scolastico e famigliare.

 

PER ULTERIORI INFORMAZIONI E ADESIONI
 

Associazione UNISONO PSICOLOGIA

Via Aldighieri, 61 – 44121 Ferrara

Tel. 348 8447762

E-mail: associazione@unisonopsicologia.it
Per ulteriori dettagli http://www.unisonopsicologia.it/home.htm